Blowhammer Blog

  • Qual è la differenza tra street art e graffiti?

    Qual è la differenza tra street art e graffiti?

    Spesso tendiamo a confondere, talvolta fondere, la Street Art e il Graffitismo. Questo perché entrambe prendono forma tra le strade delle città e sono motivate dal brivido dell’illegalità, nonostante ciò vengono considerate due diverse forme d’arte.
    Non staremo qui a definire l’una o l’altra, piuttosto ad entrare nell’animo di entrambe al fine di comprenderle.

    CONTINUA A LEGGERE
  • L'evoluzione della T-shirt: da semplice indumento a capo di design

    L'evoluzione della T-shirt: da semplice indumento a capo di design

    Nonostante la T-shirt, così come la conosciamo oggi, venga considerata alla base dei must have e l’indumento più versatile nel guardaroba di ognuno di noi, questa ha preso vita diverso tempo fa: quando gli uomini indossavano le calzamaglie, le parrucche e a quanto pare le T-shirt.

    Tra il Settecento e la fine della seconda guerra mondiale, la maglietta veniva indossata esclusivamente da uomini e con l’unico scopo di indumento intimo o maglietta da lavoro.
    Una vera e propria diffusione di questa icona dell’abbigliamento avviene negli anni cinquanta, grazie ai due attori più influenti dell’epoca: Marlon Brando e James Dean. Grazie a loro la T-shirt entrò a far parte della moda contemporanea, che prevedeva si indossasse una maglietta bianca e un paio di jeans.

    CONTINUA A LEGGERE
  • Blowhammer: logo, brand e identità

    Blowhammer: logo, brand e identità

    L’identità è l’insieme delle caratteristiche che rendono ognuno di noi unico e inconfondibile. L’unicità di Blowhammer si riconosce nel suo logo e nell’importanza che ha per il brand trasmettere i suoi valori.

    Il marchio è stato disegnato partendo dalla semplice e minimale forma di un triangolo, figura semplice che vuole trasmettere però, una sensazione di allerta e attenzione, di curiosità. Pertanto per scoprire cosa nasconde il logo Blowhammer dobbiamo fermarci un minuto ad osservarlo con occhi attenti, occhi che hanno voglia di smascherare le mille sfaccettature che una figura apparentemente semplice riesce a nascondere.

    CONTINUA A LEGGERE
  • Un viaggio introspettivo nell’arte di Giovanni Maisto

    Un viaggio introspettivo nell’arte di Giovanni Maisto

    Ognuno di noi, da bambino, ha scoperto un mondo fantastico trovandosi con gli occhi chiusi, immerso tra le linee morbide e i colori vividi che provocano la luce del Sole, dopo averlo osservato per qualche secondo. Può sembrare banale, ma è proprio dalle cose semplici come questa che possono nascere le passioni più forti. Ed è proprio così che Giovanni Maisto scopre che: “il senso di meraviglia e stupore che sperimentavo tracciando linee era pari solo alle impressioni ricavate dalla luce del Sole.”

    CONTINUA A LEGGERE
  • Lo skateboard: da Tony Hawk a un villaggio Zulu

    Lo skateboard: da Tony Hawk a un villaggio Zulu

    Considero lo skateboarding una forma d’arte, uno stile di vita e uno sport” disse Tony Hawk, ed è proprio per questo che fare skateboard è senza dubbio più di uno stile di vita. Nella California degli anni60, mentre i Beach Boys scalavano le classifiche cantando Barbara Ann e animando tutta la West Coast, i surfisti avevano la possibilità di cavalcare le onde anche in assenza di mare mosso. Grazie allo skateboard veniva data loro l’opportunità di esprimere la loro passione, anche in condizioni che generalmente non lo permettevano.

    CONTINUA A LEGGERE
Pagina